Risparmiare guidando. Parola d’ordine: Car-Sharing

Il Car-sharing è una buona pratica e un buon modo per risparmiare sulle costosissime spese automobilistiche: dal bollo, alla manutenzione, alla sostituzione delle gomme, al bollo, all’assicurazione.

euro 447214  340 300x152 - Risparmiare guidando. Parola d'ordine: Car-Sharing 

Condivisione e utilizzo, questo in sostanza rappresenta il Car-sharing, intendono depennare e far sparire dalle spese comuni tutte le voci sopra citate.

L’automobile non è di proprietà, o meglio appartiene a una società che ne mette a disposizione l’utilizzo dietro una formula di pagamento “pay-per-use” che facilita il rapporto tra le due parti.

Il periodo di utilizzo previsto è piuttosto breve, in alcuni casi si allunga (tipo noleggio), così anche il perimetro, finora limitato all’area urbana con un’estensione ai soli aeroporti.

Questa soluzione è ottimale per chi abita in città e non possiede un’automobile ma ha necessità a volte di spostarsi con un mezzo che non sia la metro o l’autobus.

beetle 1950202  340 300x157 - Risparmiare guidando. Parola d'ordine: Car-SharingIscriviti a un circuito di Car-sharing

Per usufruire del servizio di Car-sharing bisogna iscriversi presso la sede o sul sito di una delle società che noleggiano questa “formula”.

 

E’ fondamentale che i dati siano del guidatore e quindi anche la patente.

Una volta manifestata la volontà di far parte del circuito vi viene assegnata una smartcard (e anche un pin, eventualmente, o una chiave) che vi dà l’accesso a ogni spazio preposto, posizionato in vari punti strategici della città.

Come dire: Chiavi in mano

Il giorno che si intende utilizzarla basta comunicare data, orario del ritiro e della riconsegna e il parcheggio da cui si preleva. La tessera vi consente l’accesso all’interno dell’automobile, basta strisciarla come si farebbe con un bancomat nell’apposito lettore o sul parabrezza (a seconda di come sono state omologate dalla società).

car 872717  340 300x254 - Risparmiare guidando. Parola d'ordine: Car-SharingSe vi è stato fornito un pin o se vi sono state consegnate delle chiavi, utilizzerete o l’uno o l’altro per l’accensione. Quando la si parcheggia se è richiesto il pin si digita quello altrimenti la si chiude normalmente con la chiave. Quando la si riconsegna viene chiesto di lasciare le chiavi all’interno e strisciare la carta, oppure di digitare un codice di fine corsa e strisciare la carta.

Tra le società che operano in questo settore GuidaMi offre un servizio di car-sharing che permette di riconsegnare l’auto nello stesso posto da cui la si è prelevata, mentre Car2go e Enjoy lasciano più libertà all’automobilista che può prelevarla in un punto della città e riconsegnarla in un altro.

Trova il circuito e le tariffe

Chi non ha mai fatto un accesso a una di queste società può lasciarsi guidare dalle App scaricabili dai vari siti. L’App permette di individuare l’automobile più vicina al punto di prelievo e indica anche i distributori dedicati. Nel caso si necessiti di fare rifornimento, essendo considerato un disturbo per l’automobilista, la società regala dei minuti di guida gratis.

rent a car 1110839  340 300x200 - Risparmiare guidando. Parola d'ordine: Car-SharingQuesto optional ci introduce un altro fattore importante del Car-sharing:  il pagamento.

La tariffa si applica in base al modello di automobile scelto, ai minuti effettivi di guida, alla percorrenza.

E le città applicano tariffe diverse quindi è importante verificare quali siano quelle relative alla vostra città. Il sito su cui informarsi Clicca qui vi può essere utile per individuare i gestori che operano localmente, i prezzi e le disponibilità.

 

Vedi anche  Fai Benzina dove costa meno usando l'App

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *